Vroom Teoria Motivazionale dell’ Aspettativa

In tanti hanno tentato di capire e successivamente spiegare cosa c’è alla base dei comportamenti umani, cosa motiva gli uomini a compiere determinate azioni. Victor Harold Vroom è un professore di business school presso la Yale School of Management che ha coniato una teoria molto apprezzata da studenti e specialisti di settore.

Tenta di spiegare perché gli individui scelgono di seguire determinati corsi d’azione e preferiscono determinati obiettivi o risultati rispetto ad altri nelle organizzazioni, in particolare nel processo decisionale e nella leadership.

Teoria Motivazionale dell’ Aspettativa che cos’è

Secondo Vroom la motivazione di un individuo è influenzata dalle sue aspettative sul futuro.

Nello specifico, Vroom afferma che la motivazione di un individuo è influenzata da quanto apprezza le ricompense associate a un’azione , quanto crede che impegnandosi in qualcosa sarà in grado di generare buoni risultati (Expectancy) e quanto crede che generare buoni risultati si tradurrà in una ricompensa .

È importante notare che le ricompense possono essere intrinseche o estrinseche. Le motivazioni estrinseche sono cose esterne come denaro e promozione. Le motivazioni intrinseche sono cose interne come un senso di appagamento e realizzazione.

Vroom definisce la motivazione come un processo che governa le scelte tra forme alternative di attività di volontariato, un processo controllato dall’individuo. L’individuo fa scelte basate su stime di quanto bene i risultati attesi di un determinato comportamento si abbineranno o alla fine porteranno ai risultati desiderati.

 

 

La motivazione è un prodotto dell’aspettativa dell’individuo che un certo sforzo porti alla prestazione prevista, la strumentalità di questa prestazione al raggiungimento di un certo risultato e la desiderabilità di questo risultato per l’individuo è nota come “valenza“.

teoria-vroom

Da cosa siamo motivati sul lavoro

Vroom afferma che la motivazione di un individuo è il prodotto di diversi fattori:

  • Valenza: quanto apprezza le potenziali ricompense associate a risultati o comportamenti specifici,
  • Aspettativa: quanto crede che il suo sforzo aggiuntivo lo aiuterà a raggiungere i risultati target dei comportamenti
  • Strumentalità: quanto crede che le ricompense appariranno effettivamente se dovesse ottenere i risultati o i comportamenti desiderati.

Da una prospettiva individuale, ciò significa che se uno di questi fattori è carente, potresti non avere motivazione, ad esempio nel lavoro.

Se, come individuo, ti senti demotivato nel mondo del lavoro, vale la pena fare un passo indietro e considerare questi fattori. Può darsi che uno o piu’ caratteristiche ti manchino. Ad esempio, potresti non valutare le ricompense intrinseche o estrinseche associate al lavoro che stai facendo. Allo stesso modo, potresti semplicemente credere di non avere la capacità di ottenere un risultato che attiverebbe una ricompensa.

Se valuti la tua “voglia” attraverso la lente della teoria dell’aspettativa di Vroom, puoi identificare le cause profonde della tua mancanza di motivazione sul lavoro. A sua volta, questo potrebbe aiutare a identificare le azioni che potresti intraprendere per ripristinarlo. Come sempre, potresti aver bisogno dell’aiuto degli altri per ripristinare la tua motivazione. Potresti trarre vantaggio dal discutere i tuoi pensieri con un collega, un amico o persino il tuo capo.

Come utilizzare la teoria dell’aspettativa di Vroom per aumentare la motivazione e le prestazioni

I manager possono valutare se i loro dipendenti capiscono cosa devono fare per arrivare ad ottenere il risultato desiderato. Chiarire il proprio ruolo può essere un modo per assicurarsi che il personale sia allineato e capisca cosa deve fare.

Ad esempio, supponiamo che un manager abbia incaricato il proprio dipendente di produrre una campagna pubblicitaria, che avrebbe ottenuto il bonus che desiderava come ricompensa (Valenza).

Secondo la teoria dell’aspettativa di Vroom, il dipendente deve credere che il compito sia realizzabile, in modo che possa impegnarsi. Se il compito è fattibile, il dipendente sarà desideroso di svolgere bene in previsione del bonus (aspettativa).

Il dipendente deve anche credere che lo sforzo che ha fatto porterà al risultato desiderato (strumentalità), quindi l’organizzazione deve mantenere i risultati che promette.

Fondamentalmente, la teoria dell’aspettativa di Vroom funziona sulle percezioni , quindi anche se un datore di lavoro pensa di aver fornito tutto ciò che è appropriato per la motivazione, e anche se questo funziona con la maggior parte degli impiegati, non significa che qualcuno non la percepirà tale.

A prima vista, la teoria dell’aspettativa sembrerebbe più applicabile a una situazione di lavoro con atteggiamento tradizionale in cui il dipendente desidera una ricompensa per avere eseguito ottimamente il suo lavoro, in un posto dunque in cui un maggiore sforzo porterà a quella ricompensa.

Tuttavia, potrebbe ugualmente applicarsi a qualsiasi situazione in cui qualcuno fa qualcosa perché si aspetta un certo risultato. Ad esempio, riciclo la carta perché penso sia importante conservare le risorse e prendere posizione sulle questioni ambientali (valenza); penso che più impegno metto nel riciclaggio, più carta riciclerò (aspettativa); e penso che più carta riciclo, meno risorse verranno utilizzate (strumentalità)

Pertanto, la teoria della motivazione dell’aspettativa di Vroom non riguarda l’interesse personale per le ricompense, ma le associazioni che le persone fanno verso i risultati attesi e il contributo che sentono di poter dare a tali risultati.

Add Comment

48  +    =  55