Come Affrontare la dislessia a scuola

La dislessia è una malattia molto più comune di quanto si possa pensare . Si definisce come un disturbo dell’apprendimento che colpisce la lettura e la scrittura, e in generale le funzioni atte a decifrare codici e simboli linguistici.

Quando le persone con dislessia leggono, concentrano quasi tutta la loro attenzione sulla decodifica dei suoni di lettere diverse e sulla pronuncia delle parole. Questo sforzo provoca una rottura della memoria di lavoro, impedendo al cervello di concentrarsi su altri compiti come la comprensione di quello che si sta leggendo.

Che cos’è la dislessia

Un gran numero di studi definisce la dislessia come un deficit nei meccanismi neurali associati all’elaborazione del linguaggio . Infatti, le persone con dislessia hanno difficoltà a visualizzare le parole, a causa di una disfunzione a livello della rete neurale tra le regioni del cervello associate al linguaggio e all’elaborazione fonologica.

Sintomi della Dislessia

I sintomi della dislessia a volte sono difficili da rilevare. Tuttavia, alcuni segnali sono visibili nei bambini in età prescolare. Comprendono:

  • Disturbo della funzione esecutiva : le funzioni esecutive comprendono un gran numero di abilità cognitive complesse che consentono di pianificare un compito suddividendolo in fasi. Questi passaggi potrebbero, ad esempio, iniziare analizzando e definendo le condizioni imposte dall’attività, quindi organizzando e determinando il tempo necessario per svolgere l’attività, strutturando il carico di lavoro, fissando gli obiettivi, valutando le azioni implementate e adeguandole di conseguenza. a seconda dei risultati, ecc. Una delle caratteristiche più comuni della dislessia è il disturbo dello sviluppo esecutivo. Ciò significa che qualsiasi attività da pianificare (esempi: pulire la stanza o finire i compiti) può rappresentare una vera sfida per i bambini con dislessia.
  • Difficoltà di apprendimento e comunicazione:  le istruzioni rapide sono di difficile comprensione, lo stesso per le battute e le espressioni idiomatiche (un giro di frase che porta un significato nel suo insieme e non in ciascuna delle parole che lo compongono), come “essere alto come due barattoli“, che significa essere piccoli. È difficile imparare nuove parole e pronunciarle correttamente. La persona si sente insicura quando parla o esprime idee, ecc.
  • Difficoltà di lettura : la persona dislessica ha difficoltà a ricordare e decifrare codici e simboli linguistici, il che rende difficile la lettura. I bambini con dislessia hanno spesso difficoltà a interpretare la pronuncia delle parole, così come a elaborare e comprendere ciò che leggono. Questo è il motivo per cui hanno generalmente uno scarso interesse nei confronti dei libri.
  • Difficoltà a scrivere: poiché i bambini con dislessia hanno difficoltà a ricordare l’ortografia delle parole e ad attenersi alle regole di ortografia nel tempo, spesso commettono errori di ortografia. Hanno difficoltà a esprimere le loro idee per iscritto. A volte, anche se capiscono bene quello che dicono le maestre, hanno difficoltà a prendere appunti. Il loro modo di impugnare la matita è solitamente insolito, ciò rende la loro grafia irregolare, appena leggibile e troppo grande o troppo piccola.
  • I sintomi della coordinazione motoria e dell’orientamento spaziale : hanno difficoltà a distinguere la sinistra dalla destra, l’alto dal basso, il davanti dal dietro, l’interno dall’esterno, ecc. Questo problema è talvolta confuso con un atto di ribellione. Sono più goffi degli altri bambini e si perdono più spesso. In genere non sono bravi negli sport che richiedono coordinazione o in sport di squadra.
  • Distorsione della stima del tempo : hanno difficoltà a gestire il loro tempo e sbagliano la data.
  • Difficoltà con problemi di matematica : dal momento che hanno difficoltà a riconoscere i simboli, è difficile per loro affrontare compiti di aritmetica poiché si coinvolgono simboli come addizione, sottrazione, moltiplicazione, ecc. I bambini con dislessia hanno anche difficoltà a memorizzare le tabelline.
  • Problema con il coinvolgimento sociale ed emotivo : I bambini con dislessia possono fare i pagliacci, creare “problemi” o al contrario essere troppo silenziosi. Sono estremamente disordinati o compulsivamente ordinati. Ogni bambino è diverso , ci possono essere soggetti “ribelli” e “intolleranti” oppure “sottomessi”.

La diagnosi di dislessia si avvale quindi, come minimo, di un test di lettura e di un test del QI, ma più in generale prevede sia una valutazione logopedica che una valutazione neuropsicologica, che consentono di identificare chiaramente il profilo del bambino dislessico. Se necessario, possono essere richiesti ulteriori esami (oculistici, psichiatrici, ecc.). Queste valutazioni sono normalmente prescritte e interpretate da un medico che è quindi responsabile della diagnosi di dislessia.

Cause dislessia

La dislessia può essere ereditaria. È anche comune vedere diversi membri della stessa famiglia colpiti dalla malattia. La dislessia colpisce i bambini di intelligenza normale, senza alcun problema mentale, fisico o culturale e per i quali la difficoltà di lettura non pregiudica nessun’altra capacità cognitiva. Inoltre, le persone con dislessia tendono spesso ad affinare i propri sensi e sviluppare ulteriormente il proprio livello di intelligenza e creatività.

Non tutti i tipi di dislessia presentano lo stesso grado di gravità, ma è fondamentale diagnosticare e curare la dislessia il prima possibile per evitare problemi di sviluppo , perdita di autostima, frustrazione e fallimento scolastico.

Trattamento dislessia a scuola

Al momento non esiste un modo noto per curare in modo permanente l’anomalia cerebrale sottostante che causa il disturbo. È fondamentale monitorare quotidianamente il disturbo e non attendere la comparsa di sintomi maggiori prima di iniziare una cura. Il trattamento più efficace per la dislessia è innanzitutto la diagnosi precoce.

Per un alunno dislessico la scuola deve stilare un documento, chiamato piano didattico personalizzato, in collaborazione con lo psicologo e con la famiglia del bambino con dsa.

Il primo passo per aiutare un bambino dislessico è quello di identificare chiaramente i contesti di apprendimento che pongono problemi. Le misure di adattamento devono consentire loro di progredire nell’apprendimento supportandoli nelle aree di difficoltà precedentemente individuate. Il coinvolgimento della persona dislessica è un elemento chiave per individuare correttamente le misure di adattamento da mettere in atto. Il successo inizia con la consapevolezza delle difficoltà, delle possibili soluzioni per porvi rimedio e del supporto nell’attuazione. Le misure di adattamento devono anche essere pianificate in base agli ostacoli incontrati nei diversi contesti di apprendimento e secondo le intenzioni pedagogiche dell’insegnante.

 

Che cos’è la disgrafia e la disortografia

Altro disturbo dell’ apprendimento è la disgrafia che può colpire i bambini che sono nuovi alla scrittura, ma può anche manifestarsi a qualsiasi età, nel contesto di alcune patologie (morbo di Dupuytren, Parkinson, ecc.). La disgrafia è un problema di scrittura in cui i bambini non riescono a organizzare e coordinare la loro scrittura , rendendola difficile da capire. 

Questo disturbo si traduce principalmente in:

  • problemi nella disposizione delle lettere, che sono mal formate (le curve sono fatte male e le linee non sono diritte) e di dimensione irregolare;
  • spazi tra le parole che non vengono rispettati.

Nelle persone con disgrafia, nessun deficit neurologico o intellettuale spiega questo disturbo. Tuttavia, alcune disgrafie possono essere associate a patologie come ictus o tumore al cervello.

La disortografia è un disturbo specifico dell’apprendimento dell’ortografia. Le persone con disortografia non assimilano correttamente le regole di ortografia. Per i bambini ciò ha gravi conseguenze per la loro scolarizzazione e per gli adulti, per la loro integrazione e vita professionale.

Anche se ci sono casi isolati di bambini che soffrono SOLO di disortografia, il disturbo è spesso una conseguenza della dislessia. Quando il bambino ha difficoltà con la lingua scritta, quando non riesce a padroneggiare correttamente le regole di conversione grafema-fonema (B e A = BA), ha difficoltà ad automatizzare il riconoscimento di una parola. Per i lettori, che non hanno incontrato difficoltà nell’impostare la decodifica di ogni sillaba, la lettura diventa rapida e implicita. Possono quindi riflettere sul significato del testo e ricordare l’ortografia delle parole. Questo non è il caso dei bambini disortografici.

 

Add Comment

7  +  2  =