Australopiteco Lucy Cos’è perchè è Importante

L’ Australopiteco Lucy è uno scheletro di Australopithecus afarensis, una specie estinta di ominidi bipedi che erano vissuti in Africa tra 4,1 e 3 milioni di anni fa. Lo scheletro, a cui fu dato il nome di Lucy in onore di una canzone dei Beatles (Lucy in the Sky With Diamonds), appartiene ad una donna di circa 18 anni e fu rinvenuto dai paleontologi Donald Johanson e Tom Gray il 24 novembre 1974, nel sito di Hadar in Etiopia.

Quel giorno avevano preso una Land Rover per mappare un’altra località. Dopo una lunga e calda mattinata di mappatura e rilevamento dei fossili, decisero di tornare al veicolo. Johanson suggerì di fare un percorso alternativo per tornare alla Land Rover, attraverso una gola vicina. In pochi istanti, individuò un’ulna prossimale destra (osso dell’avambraccio) e rapidamente la identificò come ominide. Poco dopo, vide un osso occipitale (cranio), poi un femore, alcune costole, un bacino e la mascella inferiore. Due settimane dopo, dopo molte ore di scavo, screening e selezione, erano state recuperate diverse centinaia di frammenti di osso, che rappresentano il 40% di un singolo scheletro di ominide.

resti-scheletro-lucy

Perchè è importante il ritrovamento

fu subito evidente che lo scheletro era una scoperta importantissima, perché i sedimenti sul sito erano noti per avere 3,2 milioni di anni. Era il più antico primitivo umano – o ominide – mai trovato. In seguito divenne evidente che era anche il più completo: era stato preservato completamente il 40% dello scheletro.

Sebbene fosse una nuova specie, Lucy non fu la prima scoperta dell’Australopithecus . C’era stato il “bambino di Taung” , un cranio fossilizzato di un bambino che viveva circa 2,8 milioni di anni fa a Taung, in Sud Africa. Fu scoperto nel 1924 ed è stato studiato dall’anatomista Raymond Dart. Si rese conto che apparteneva a una nuova specie, che chiamò Australopithecus africanus .

Non era un normale cervello antropoidale, era una replica di un cervello tre volte più grande di quella di un babbuino e considerevolmente più grande di quella di un adulto scimpanzé” descrive Raymond Dart. “I denti del  bambino di Taung erano più simili a quelli di un bambino umano che a quelli di una scimmia“. Dart concluse anche che poteva camminare eretto, come gli umani, perché la parte del cranio dove il midollo spinale incontrava il cervello era simile ad un essere umano.

Il ritrovamento del cranio del bambino di Taung fu il primo indizio che gli umani provenissero dall’Africa. Ma quando Dart pubblicò la sua analisi l’anno seguente ci furono molte critiche. All’epoca, l’Europa e l’Asia erano considerate il fulcro cruciale per l’evoluzione umana e gli scienziati non accettavano che tutto fosse partito dall’Africa .

Nei successivi 25 anni, sono emerse altre prove e hanno dimostrato che Dart aveva sempre avuto ragione. Quando arrivò Lucy, gli antropologi accettarono che gli australopitecini fossero i primi umani, non erano solo le scimmie. Quindi, alla sua scoperta, Lucy divenne il più antico potenziale antenato di tutte le specie di ominidi conosciuti.

Come sappiamo che era un ominide e non una scimmia

Il termine ominide si riferisce a un membro della famiglia zoologica “Hominidae“, definite anche “grandi scimmie”. Gli ominidi comprendono tutte le specie originate dopo la spaccatura ancestrale della scimmia umana / africana, che porta a includere tutte le specie di Australopithecus e Homo . Mentre queste specie differiscono in molti modi, gli ominidi condividono una serie di caratteristiche che li definiscono come un gruppo. Il più evidente di questi tratti è la locomozione bipede, o il camminare eretti.

Come si è capito che Lucy camminava dritta?

Come in uno scheletro umano moderno, le ossa di Lucy sono piene di prove che indicano chiaramente la bipedalità. Il suo femore distale mostra diversi tratti peculiari della bipedicità. L’asta è inclinata rispetto ai condili (superfici articolari del ginocchio), che consente ai bipedi di bilanciarsi su una gamba alla volta durante la locomozione.

lucy-australopiteco

I suoi condili sono grandi e sono quindi adattati a gestire il peso aggiunto che deriva dal passaggio da quattro arti a due. Il bacino esibisce una serie di adattamenti alla bipedicità. L’intera struttura è stata rimodellata per accogliere una posizione eretta e la necessità di bilanciare il tronco su un solo arto ad ogni falcata. L’astragalo, nella sua caviglia, mostra la prova di un alluce convergente, sacrificare le abilità manipolative per l’efficienza nella locomozione bipede. Le vertebre mostrano la prova delle curvature spinali rese necessarie da una posizione eretta permanente.

Come viveva Lucy

Lucy potrebbe aver camminato come un umano, ma passava un po ‘di tempo tra gli alberi, come fanno ancora oggi gli scimpanzé e gli oranghi. Può essere che il camminare dritto si è evoluto negli alberi, come un modo per camminare lungo i rami che altrimenti sarebbero troppo flessibili .

Non è chiaro il motivo per cui Lucy lasciò la sicurezza degli alberi e si gettò a terra. Si pensa che le savane si siano gradualmente aperte, così gli alberi si distanziarono. Ma la vera ragione per cui decise di scendere dagli alberi potrebbe essere stata legata alla ricerca di cibo. In linea con questa idea, recenti evidenze suggeriscono che la dieta degli australopitechi stava cambiando .

Studi sui resti di cibo intrappolato nei denti di ominide conservati mostrano che diverse specie, tra cui quella di Lucy, stavano cabiando la loro dieta circa 3,5 milioni di anni fa . Invece di mangiare principalmente frutta dagli alberi, iniziarono a includere erbe e carice e possibilmente carne. Questo cambiamento nella dieta può aver permesso loro di spaziare più ampiamente e di viaggiare più efficientemente in un ambiente che cambia.

Lucy stessa potrebbe aver raccolto le uova da un lago. Le uova di coccodrillo e tartaruga fossilizzate sono state trovate vicino al suo scheletro, ipotizzando che la sua morte potrebbe essere legata ad un attacco di un coccodrillo.

ominide-lucy

I primi utensili

In che modo gli australopitecini hanno elaborato tutti questi nuovi alimenti? In seguito, specie come l’ Homo erectus hanno usato semplici strumenti di pietra, ma non sono mai stati trovati utensili in un passato così lontano. Tuttavia, nel 2010 gli archeologi hanno scoperto ossa di animali con segni che sembrano essere stati realizzati con strumenti di pietra . Ciò suggerisce che Lucy e i suoi parenti usavano strumenti di pietra per mangiare carne.

 

Dove si trova l’australopiteco Lucy

La “vera” Lucy è conservata in una cassaforte appositamente costruita nei Laboratori Paleoantropologici del Museo Nazionale dell’Etiopia ad Addis Abeba. A causa della natura rara e fragile di molti fossili, compresi gli ominidi, si è deciso di conservarli in luoghi sterili e sicuri che possano garantire la conservazione.

E’ stata realizzata una replica perfetta usando  stampi utilizzati per creare copie dettagliate che può essere ammirata nello stesso museo di Addis Abeba. Ci sono copie uguali visitabili nella Galerie de Paléontologie et d’Anatomie comparée du Muséum national d’Histoire naturelle e al Jardin des Plantes entrambi a Parigi.

Add Comment